Domenica 26 maggio 2019 si svolgeranno le consultazioni elettorali per l’elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia, nonché quelle amministrative comunali in numerose località.

I seggi si apriranno, per le operazioni preliminari, nel pomeriggio di sabato 25 maggio e le votazioni si svolgeranno dalle ore 7 alle ore 23 della successiva domenica 26 maggio. Le operazioni di scrutinio per le elezioni europee avranno inizio alla chiusura dei seggi, lo scrutinio delle schede riguardanti le elezioni comunali avverrà a partire dalle 14 di lunedì 27 maggio.

Riassumiamo di seguito il trattamento economico e normativo spettante ai lavoratori che adempiono alle funzioni elettorali.

Tutti i lavoratori dipendenti nominati presidente, vicepresidente, segretario o scrutatore di seggio, rappresentante di lista, rappresentante di gruppo hanno il diritto di assentarsi dal lavoro per il periodo corrispondente alla durata delle operazioni sopra elencate. I giorni di assenza dal lavoro per svolgere le operazioni elettorali sono considerati, a tutti gli effetti, giorni di attività lavorativa.

In considerazione di ciò, il trattamento economico che deve essere riservato ai lavoratori dipendenti che svolgono dette funzioni è il seguente:

  • per le giornate in cui il dipendente avrebbe dovuto prestare attività lavorativa (di norma il lunedì ed eventualmente il sabato, se l’azienda non adotta la settimana corta): il dipendente ha diritto al trattamento economico che gli sarebbe spettato in caso di effettiva prestazione lavorativa, pur essendosi assentato dal lavoro per le operazioni elettorali;
  • per le giornate festive e non lavorative (di norma la domenica ed il sabato in caso di settimana corta): il dipendente ha diritto ad una giornata di retribuzione aggiuntiva; in alternativa, ha diritto ad un riposo compensativo con modalità di fruizione da concordare tra datore di lavoro e lavoratore.

Si precisa che in caso di godimento del riposo compensativo la Corte Costituzionale si è espressa nel senso che lo stesso debba avere carattere di immediatezza (sentenza n. 452/1991).

I lavoratori che vogliono usufruire dei permessi elettorali dovranno inviare una comunicazione preventiva al proprio datore di lavoro e presentare:

  • il certificato di chiamata inviato dal competente ufficio elettorale, prima delle operazioni elettorali
  • la copia di questo certificato firmata dal presidente di seggio, con l’indicazione delle giornate di effettiva presenza al seggio e l’orario di inizio e chiusura delle operazioni, dopo le operazioni elettorali.

Sede legale e operativa: via Terraglio, 263/A - 31022 Preganziol (TV)  0422 633.882  0422 633.881  commerciale@hunext.com 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi